Sabelli al bivio: restare o dirsi addio?

di Michele Lestingi
articolo letto 10086 volte
Foto

Restare o partire? E' questo il grande dubbio che s'insinua nella testa di Stefano Sabelli. Arrivato poco più che ventenne, ha imparato fin da subito  a conoscere pregi e difetti di questa piazza condividendone gioie e dolori. Un rapporto che si è cementato nel corso degli anni, caratterizzato da un solo "arrivederci" datato gennaio 2016.

Adesso è il tempo delle riflessioni. L'eliminazione contro il Cittadella a far da spartiacque: sposare fino in fondo la causa biancorossa (ereditando oneri e onori) o salutare? Le sirene del mercato sembrano propendere più per la seconda ipotesi, ma nulla è stato deciso. 

Dirsi addio sarebbe la soluzione più semplice, ma forse non quella più giusta. Scappare senza dire una parola si addice a chi è passato di qui per caso, ma non per chi, come lui, ha provato sulla propria pelle cosa vuol dire Bari: estasi, esaltazione, delusione, rabbia. Allora basta un secondo per dissipare i dubbi e azzerare tutto.
 


Altre notizie
Mercoledì 20 Giugno
Martedì 19 Giugno
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy