SEZIONI NOTIZIE

Da Offredi a Caturano. Dieci... ex galletti sfortunati: possono incrociare il Bari ai playoff

di Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Foto
© foto di Federico Gaetano

Nelle file delle squadre che potrebbero incrociare il Bari ai prossimi playoff ci sono numerosi calciatori che, nel loro passato, contano un’esperienza non di livello eccelso in riva all’Adriatico. Di seguito, dieci giocatori possibili avversari dei galletti ai prossimi spareggi promozione. Anche i tifosi più accaniti potrebbero non ricordarsi della loro esperienza nel capoluogo pugliese.

VICTOR DE LUCIA – Uno dei nomi più celebri, in questa lista. Il portiere, oggi ventiquattrenne, difende i pali della temibile Feralpisalò, sesta forza del girone B. Sono ben tre i rigori parati dall’estremo difensore dei lombardi, in questa stagione. Per lui, in Puglia, tre presenze, coincise con altrettante sconfitte, tra campionato e Coppa Italia, nel 2017-’18, anno conclusosi con il fallimento del club.

GIULIO PARODI – Venduto dal Bari alla Juve, appena quattordicenne, non ha avuto molta fortuna con i bianconeri, collezionando gravi infortuni ai legamenti che ne hanno frenato l’ascesa per un paio di stagioni, dopo due buone annate a Pordenone, tra il 2016 ed il 2018. Finalmente guarito dai guai fisici,  il giovane, originario del capoluogo pugliese, milita nella pericolosa Pro Vercelli. Da gennaio scorso, con i bianchi piemontesi ha messo insieme 4 apparizioni.

FERDINANDO MASTROIANNI – Il centravanti del Lecco ha messo a segno 5 reti in questa stagione, in 27 partite disputate. Ormai ventinovenne,  alcuni lo ricorderanno, una decina di anni fa, come terminale offensivo della Primavera biancorossa, accanto ad un certo Grandolfo. Quella compagine era allenata da Pietro Maiellaro. Per la punta, però, non arrivò mai la chance del debutto in prima squadra.

FRANCESCO VACCARO – Punto fermo delle giovanili del Bari prima della debacle contabile targata Giancaspro, il ragazzo non si è perso d’animo, e tre anni fa ha ricominciato dalle serie minori, con il Team Altamura. Ora è un giocatore del Pontedera, sorprendente settima nel raggruppamento A di Lega Pro.  

SEAN PARKER – Ventinove incontri e 6 reti per lui, nella Pro Patria, quasi certamente una delle mine vaganti dei prossimi spareggi. C’era, almeno nella prima parte di stagione, nel Bari Primavera di De Angelis che, 3 anni fa, arrivò a giocarsi i playoff  promozione.

SIMONE SINI – Due gare da titolare, un decennio fa, nei biancorossi, ai tempi di Torrente. Oggi è all’Alessandria. Per il difensore, 11 match, quest’anno, con i grigi di Gregucci, squadra certamente da prendere con le pinze nell’imminente post-season.

SALVATORE CATURANO – Non ha mai debuttato in biancorosso. Eppure, quando venne prelevato dal Melfi,ormai  sei anni fa, fece anche qualche buona amichevole con i galletti, prima di essere ceduto prima all’Ascoli e poi al Lecce. Con i salentini, ha vinto la Lega Pro, tre stagioni fa, ed ha poi bissato quel successo, con l’Entella, 12 mesi dopo. Ora è al Cesena, con il quale in una stagione complicata dagli infortuni ha collezionato solo 9 presenze e 3 gol. In serie C, però, sa come si vince.

DANIEL OFFREDI –  A queste latitudini fece il terzo portiere, per un semestre, nel 2017, senza mai esordire, chiuso da Micai e Gori. Oggi ha la piena titolarità nella Triestina. Già 30 i gettoni collezionati, quest’anno. E ben dieci clean sheet.

FEDERICO PIZZUTELLI – Barese purosangue, comanda a dovere il centrocampo del Matelica, nel girone B. Per lui 26 apparizioni in stagione, con un gol e 4 assist. Non male, per un mediano. In Primavera, è stato compagno di reparto di Gaetano Castrovilli.

ANDREA BOVO – Il centrocampo della Juve Stabia, nello stesso girone del Bari, conta anche sul suo apporto. Sei anni fa, il calciatore riuscì a portare fuori dall’inferno della Lega Pro la Salernitana. Oggi ci riprova con le vespe. Il suo esordio tra i professionisti, proprio tra i biancorossi, è datato 19 dicembre 2006, quando i galletti di Maran affrontarono in casa il Rimini, pareggiando 2-2. Cinque minuti in campo, in sostituzione di Ivan Rajcic. Poi, nessun’altra possibilità con questi colori, per lui.

Altre notizie
Domenica 11 aprile 2021
19:00 In Primo Piano Pubblico al Partenio, i baresi insorgono: "Hanno sconfitto il Covid?" 18:00 News Pres. Potenza: "Girone C squilibrato, non si possono mettere insieme tutte le big" 17:30 Serie C Girone C - La Ternana non si ferma, la Cavese ritrova i tre punti. Vincenti anche Monopoli e Catania. Risultati e classifica 17:00 Lettera del Tifoso "Abbiamo diritto a risposte precise" 16:00 In Primo Piano Il Bari e l'allergia agli scontri diretti. In tre anni con i DeLa mai un successo
15:00 News Allenamenti: Bari in campo lunedì per iniziare a preparare la gara contro il Palermo 14:00 News Da Avellino: "Partita a scacchi. Tante scaramucce, scontri accesi. Carriero ovunque" 13:00 In Primo Piano Modulo, cambi, centrocampo: tutto quello che non ha funzionato ad Avellino 12:00 News Fella: "Avevo avvisato lo speaker: all'80' preparati col mio nome" 11:00 News L'Avellino esulta. Silvestri: "Emozionato, dopo anni di delusioni" 10:00 In Primo Piano CdM - Il Bari si scioglie anche ad Avellino. Confuso, abulico 09:00 News GdS - Bari non pervenuto. Avellino, entusiasmo alle stelle 08:00 News Rep - La delusione più grande. Squadra non all'altezza delle aspettative dei tifosi 07:00 In Primo Piano I numeri: ad Avellino l’1-0 è ormai un habituè. Terzo ko nelle ultime 4 trasferte. Cianci a secco dal derby contro il Foggia 00:00 News TuttoBari è #social: tutti i modi per seguirci
Sabato 10 aprile 2021
23:00 News Avellino, Carriero: “Partita dura, si è giocato poco. Ha vinto chi aveva più fame” 22:00 In Primo Piano Il migliore in campo - Di Cesare lotta ma non basta per evitare il ko del Partenio 21:00 News Avellino, Braglia: “Hanno trovato un Avellino tosto e compatto. Secondo posto quasi blindato” 20:05 News Rolando: "Dispiaciuti per il risultato ma non dobbiamo abbatterci. L'Avellino ha avuto più cattiveria" 20:05 Copertina Tracolla un Bari senza speranza, la svolta non arriva. Pochi pericoli e poca cattiveria: la B ora è lontanissima