SEZIONI NOTIZIE

Decaro: "Felice, ringrazio DeLa. Il posto del Bari è in A"

di Davide Giangaspero
Vedi letture
Foto

Fa festa anche il sindaco Decaro. Ecco il lungo post del primo cittadino barese:

IL PRIMO PASSO
C’è chi dice: era scontato. C’è chi dice: era semplice.
Io non la penso così. Vincere un campionato, qualunque esso sia, con due giornate di anticipo, è un’impresa. Per nulla scontata, per nulla semplice.
Ve le ricordate quelle giornate di luglio? Ve le ricordate le lacrime di tanti tifosi, durante quell’afoso pomeriggio allo stadio della Vittoria? Ve la ricordate la paura? La solita paura che qualcosa, ancora una volta, potesse andare storto? E ve li ricordate i presagi di sventura? “La serie D è un inferno, potremmo restarci per anni”, dicevano. Ve li ricordate i personaggi ambigui che volevano mettere le mani sulla nostra squadra? Ebbene, oggi possiamo dire che quelle lacrime, quella paura, quei presagi e quei personaggi, sono un lontano ricordo.
No, il Bari non ha vinto la Champions, ha solo fatto il suo dovere è vero. Ha rispettato il suo blasone e ha faticosamente cominciato il percorso per ritornare lì dove merita di essere. Ma centrare la promozione al primo anno, da capolista dalla prima all’ultima giornata, è stata una piccola impresa. Basta del resto guardarsi intorno. Alcune delle altre “nobili decadute” come Avellino e Modena, che avevano condiviso con il Bari quel destino infausto, oggi fanno molta fatica a risalire nel calcio professionistico.
Sono felice, dunque, per questo risultato. E a nome di tutti i tifosi baresi ringrazio la famiglia De Laurentiis che ha creduto in questa impresa e, diciamolo, in questa città. Ringrazio lo staff, l’allenatore, i calciatori e i tantissimi tifosi che hanno supportato la squadra, sia in trasferta, sia in casa, facendo registrare spesso una quota spettatori superiore a quella di alcuni stadi della massima serie.
Ci accontentiamo? Per niente. Per noi tifosi il posto del Bari è la serie A. Ma anche il più lungo e difficile dei viaggi comincia col primo passo. E oggi possiamo dire che il primo passo è stato fatto alla grande. Forza Bari, sempre.


Altre notizie
Giovedì 18 Luglio 2019
23:00 News Rigoli: "Con Bari e Avellino il campionato è avvincente" 22:30 In Primo Piano Castori a TuttoBari: "Schiavone ottimo acquisto, il top per la categoria. Sabbione? Farà il difensore, è molto forte” 22:00 News Scavone: "Contento di esser tornato a Bari. L'incidente dello scorso anno? Messaggi dai tifosi biancorossi, non era scontato" 21:30 In Primo Piano Frattali: "L'ambizione è fare la scalata di Parma. Non ero in uscita, ho scelto Bari per la piazza. Maurantonio? Fa strano..." 21:00 Serie C Teramo, Tedino: "Girone C duro. Tante piazze calde e prestigiose..." 20:30 In Primo Piano Dionigi a TuttoBari: "Almeno quattro squadre son costrette a vincere. Antenucci..." 20:00 Serie C Girone C e non solo. Analisi della nuova Lega Pro 19:30 News La prima di Antenucci: pochi palloni ma quante idee 19:00 In Primo Piano Hamlili brilla ancora, Kupisz un instancabile motorino, Esposito la sorpresa: prime impressioni sul nuovo Bari 18:45 News Tarantino, TuttoNapoli: "Esposito, Zedadka, Mezzoni: vi racconto i giovani aggregati al ritiro del Bari..."
PUBBLICITÀ
18:30 Serie C Coppa Italia di Serie C, ecco il girone del Bari 18:00 News Petruzzelli: "Contenti della concessione pluriennale. Per i seggiolini..." 17:30 In Primo Piano Rosa Bari, il punto: in difesa ne mancano tre, a centrocampo chiude (forse) Schiavone. Attacco, altri due. Gli ultimi sogni... 17:00 News Ag. Costa: "Il progetto del Bari è importante, potrebbe restare a Napoli dopo il prestito" 16:30 Mercato PSB - Bari su Berra della Pro Vercelli 16:00 In Primo Piano Tra vecchi lupi, esperti naviganti e giovani marinai: ecco il mare della Serie C 15:30 Gli ex Ternana, Defendi: "Sarà bello tornare al San Nicola…" 15:00 In Primo Piano Pedullà - È fatta per Perrotta: il difensore pronto a firmare un quadriennale 13:30 News Corsinelli: "Metterò tutto me stesso. Grazie Piacenza" 12:15 In Primo Piano Feola: "Lo scorso anno condizionato dalle regole. Io difensore? A disposizione. Mi ha stupito Antenucci..."